fbpx

Primary Navigation

A forza di guardarle il di dietro non me n’ero accorto. Aveva una mente meravigliosa

Solo dopo molti anni, il prodigio dei suoi pensieri si era fatto strada nella mia testa.

L’accuratezza delle parole, la nitidezza dei gesti e persino delle boccacce che faceva parlando di qualche idiota.

Ed io impallidivo, di tanta cecità.

Avrei dovuto meritarle io, le boccacce.

Perché nel cercare in una Ferrari le luci rotonde, ne avevo dimenticato il motore dirompente.

Ed io impallidivo, di tanta cecità.

Che la bellezza di una donna sta anche in una mente meravigliosa.

(Foto di Alexandr Ivanov)


francesco non ha più paura
il sorriso di dio
Le Parole Gentili del Pesce Rosso
ho sposato una scarpa